Vangelo per famiglia  

   

La Famiglia prega  

 

 

PREGHIERA DEL PAPA PER IL GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

Signore Gesù Cristo,
tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e ci hai detto che chi vede te vede Lui.

Mostraci il tuo volto e saremo salvi.

Il tuo sguardo pieno di amore liberò Zaccheo e Matteo dalla schiavitù del denaro;

l’adultera e la Maddalena dal porre la felicità solo in una creatura;

fece piangere Pietro dopo il tradimento, e assicurò il Paradiso al ladrone pentito.

Fa’ che ognuno di noi ascolti come rivolta a sé la parola che dicesti alla samaritana:

Se tu conoscessi il dono di Dio!

Tu sei il volto visibile del Padre invisibile, del Dio che manifesta la sua onnipotenza soprattutto con il perdono e la misericordia:

fa’ che la Chiesa sia nel mondo il volto visibile di Te, suo Signore, risorto e nella gloria.

Hai voluto che i tuoi ministri fossero anch’essi rivestiti di debolezza per sentire giusta compassione per quelli che sono nell’ignoranza e nell’errore:

fa’ che chiunque si accosti a uno di loro si senta atteso, amato e perdonato da Dio.

 Manda il tuo Spirito e consacraci tutti con la sua unzione

perché il Giubileo della Misericordia sia un anno di grazia del Signore

e la tua Chiesa con rinnovato entusiasmo possa portare ai poveri il lieto messaggio proclamare ai prigionieri e agli oppressi la libertà e ai ciechi restituire la vista.

 Lo chiediamo per intercessione di Maria Madre della Misericordia a te che vivi e regni con il Padre e lo Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli.

Amen

 

 

   

SACRA SCRITTURA  

   

Liturgia  

   

ESORTAZIONE APOSTOLICA POSTSINODALE  "AMORIS LÆTITIA" leggi tutta o scarica
                       "una esortazione scritta con un cuore misericordioso"

In Evidenza

Alle famiglie

CAPITOLO QUARTO

L’amore  nel  matrimonio

pag 71

Alle famiglie

CAPITOLO QUINTO

L'amore che diventa fecondo pag 127

Agli operatori

CAPITOLO  SESTO

Alcune prospettive pastorali  pag 153

Per una spiritualità

CAPITOLO  NONO

Spiritualità coniugale e familiare

pag 249

 

L’amore si costruisce sulle piccole cose… gesti minimi, che uno impara a casa. Sono gesti di madre, di nonna, di padre, di nonno, di figlio, di fratello. Sono gesti di tenerezza, di affetto, di compassione. Gesti come il piatto caldo di chi aspetta a cenare, come la prima colazione presto di chi sa accompagnare nell’alzarsi all’alba. Sono gesti familiari. E’ la benedizione prima di dormire e l’abbraccio al ritorno da una lunga giornata di lavoro.
Le nostre famiglie, le nostre case sono autentiche Chiese domestiche: sono il luogo adatto in cui la fede diventa vita e la vita cresce nella fede.  (Papa Francesco)

 
La Pastoral Familiare Diocesana, in collaborazione con la missione diocesana di Cotiakou, promuove l’iniziativa:
“Famiglie che adottano
una famiglia”.

«leggi tutto»
Lettera di don Angelo Valente
nostro sacerdote missionario

Contattateci 

Don Quirino e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 Angela e Michele Marino e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
L'amore coniugale, uno dei miracoli più belli
21/10/2014 «E’ una luce che riscalda i corpi e le anime di tutti quella che si accende ogni qual volta un uomo e una donna, incontrandosi, decidono di donarsi l’uno all’altra, per sempre». Queste le parole dei padri sinodali contenute nel Messaggio della III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi, pubblicato sabato mattina durante la XIV Congregazione generale.
 

Udienza Generale di mercoledì 29 aprile 2015

La nostra riflessione circa il disegno originario di Dio sulla coppia uomo-donna, dopo aver considerato le due narrazioni del Libro della Genesi, si rivolge ora direttamente a Gesù.

L’evangelista Giovanni, all’inizio del suo Vangelo, narra l’episodio delle nozze di Cana, a cui erano presenti la Vergine Maria e Gesù, con i suoi primi discepoli (cfr Gv 2,1-11). Gesù non solo partecipò a quel matrimonio, ma “salvò la festa” con il miracolo del vino! Dunque, il primo dei suoi segni prodigiosi, con cui Egli rivela la sua gloria, lo compì nel contesto di un matrimonio, e fu un gesto di grande simpatia per quella nascente famiglia, sollecitato dalla premura materna di Maria. Questo ci fa ricordare il libro della Genesi, quando Dio finisce

 
   
   
   
   
© www.teamguerrilla.it